Abstract tavoli di lavoro del 26/9/2020

Tavolo “Ecologia e Territorio”
Gettare le basi per un lavoro comune assieme alle realtà e alle reti che praticano resistenze, progetti ed esperienze nella direzione di una conversione ecologica degli usi del territorio: agroecologia, rigenerazione dei differenti ambienti di vita, dei sistemi insediativi urbani e rurali in una prospettiva ecosistemica e mutualistica. Partendo dal confronto delle esperienze già maturate all’interno dei vari territori, nell’ottica dell’ avvio di virtuosi processi di ‘riterritorializzazione’ che abbiano al centro le sapienze e i saperi degli abitanti, conflittuali e progettuali insieme, le pratiche e le risorse sia contadine che rurali che delle città in una ‘logica sistemica e relazionale’ più ampia. Questo anche costruendo insieme e/o scambiando dispositivi, pratiche sociali, esperienze e strumenti anche tecnici.

Tavolo “Giuridico”
Riprendendo il lavoro portato avanti a Milano, arrivare alla definizione degli emendamenti ai regolamenti dei beni comuni: capire come inserirsi nel dibattito politico attraverso l’analisi della legge regionale toscana (esempio di come i beni comuni emergenti siano spesso “invisibili” e non presenti nelle agende politiche)

Tavolo economico
1.la relazione di scambio “economico” tra i vari soggetti della rete e con altre reti (scambio di auto/produzioni indipendenti, cassa mutua/reddito, acquisti collettivi, distribuzione lungo la rete).
2. l’impostazione di una ricerca sulla redditività civica (quindi anche sul carattere trasformativo dei vari soggetti su un piano pratico e non teorico) che aiuti a indagare la propria efficacia economico-sociale e la definizione di sé.